fbpx

Prevenire i tumori grazie al camper dell’Istituto Ramazzini

Aumentare il numero delle diagnosi precoci dei tumori, grazie a un camper che andrà in giro nel territorio metropolitano di Bologna.

È l’obiettivo dell’Istituto Ramazzini, centro di eccellenza per lo studio e la prevenzione dei tumori, fondato nel 1987 da Cesare Maltoni.

Per raggiungerlo è stato lanciata una campagna di crowdfunding, giunta in dirittura di arrivo, e che servirà per l’acquisto di un ecografo mobile di ultima generazione che sarà installato a bordo del camper della prevenzione, un mezzo per consentire ai medici del Ramazzini di uscire dai Poliambulatori di via Libia a Bologna e Ozzano e raggiungere le aree più isolate del territorio per fare visite di prevenzione oncologica dando la possibilità al maggior numero di persone di poterne beneficiare.

La campagna di crowdfunding dell’Istituto Ramazzini

La prevenzione è una delle attività prioritarie per l’Istituto Ramazzini: da giugno 2002, anno di apertura del Poliambulatorio, sono state eseguite 22.600 visite di prevenzione oncologica, circa 13.000 di queste gratuitamente.

Il poliambulatorio, grazie al sostegno dei soci, garantisce la gratuità delle visite di prevenzione per le persone over 65, per pazienti con diagnosi di patologia tumorale e gli esami inerenti la patologia di base per 5 anni di follow-up.

Sulla base del programma di sorveglianza oncologica del Ramazzini sono state diagnosticate 628 patologie tumorali, per il 54,6% in persone asintomatiche.

Le patologie tumorali più frequentemente diagnosticate hanno riguardato: la mammella (56,4%), la prostata, il melanoma, il colon retto, la vescica, la tiroide. L’80% dei tumori sono stati diagnosticati in fase iniziale.

Marco Benni, amministratore delegato dell’Istituto Ramazzini, commenta: “Gli ultimi 20 anni di prevenzione contro il tumore hanno lasciato il segno sul nostro territorio ma anche la costante consapevolezza che occorra aumentare l’attenzione sull’importanza della prevenzione oncologica. Per questo abbiamo bisogno del sostegno di tutti per incrementare il numero di diagnosi precoci e raggiungere l’obiettivo di salvare più vite! Questa la mission della campagna di raccolta fondi in corso”.

Hai un’idea in grado di generare un impatto positivo per le persone, per l’ambiente o per la tua comunità? Vuoi trasformarla in una startup cooperativa capace di promuovere il cambiamento sociale, culturale, economico o tecnologico? Partecipa a Coopstartup Change Makers, il bando che sostiene la creazione di startup cooperative a Bologna e nei comuni dell’area metropolitana. Per tutti i partecipanti, formazione gratuita e servizi di accompagnamento.
E per le 5 migliori idee, 10.000 euro a fondo perduto per avviare la startup cooperativa! Puoi iscriverti alla piattaforma per scoprire il bando e candidare la tua idea entro il 20 novembre  https://changemakers.coopstartup.it/piattaforma/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cerca nel sito